Acquista il libro

Acquista il libro Diritto e COVID-19


L’irruzione di un virus invisibile e oscuro ha avuto un impatto straordinario in tutte le branche ordinamentali. Dal diritto civile al diritto penale, dal diritto amimnistrativo a quello tributario e contabile, passando attraverso il diritto processuale e quello sportivo, senza dimenticare il diritto sovranazionale, nessuna disciplina può dirsi immune agli effetti della pandemia da Covid-19.

Che conseguenze ha portato il Covid-19 nel nostro ordinamento? Il diritto del futuro sarà lo stesso, cambierà o è già in atto il cambiamento?  La frenetica normativa esplosa in questi tempi è solo "diritto dell’urgenza", destinato ad estinguersi con il cessare del momento di crisi o darà lo spunto per una definitiva metamorfosi dell’ordinamento giuridico?

home / Indice Generale / CAPITOLO 4. Il notariato e l'emergenza coronavirus

torna all'indice stampa


CAPITOLO 4. Il notariato e l'emergenza coronavirus

Giuseppe Iervolino

Come tutti gli operatori dell’area giuridico – economica ed i professionisti in genere, anche i Notai si sono trovati a fronteggiare l’emergenza “COVID–19” nel tentativo di recepire le istanze della clientela ma nel rispetto della normativa emergenziale volta al distanziamento sociale. Ed è proprio in quest’ottica che vanno interpretate le norme promulgate durante l’emergenza e che hanno riguardato principalmente gli atti societari: da un lato, infatti, vi è da evitare il più possibile i cc.dd. “assembramenti”, dall’altro, però, c’e da fare i conti con la volontà di voler stipulare alcuni atti, tra i quali l’adozione di delibere societarie. Senza dubbio, la normativa dettata ad hoc per le assemblee risulterà quanto mai utile nella fase dell’emergenza mentre per tutte le altre tipologie di atti c’è da registrare una certa predisposizione all’informatizzazione dell’attività notarile che ha permesso - e permetterà - la stipula di atti “a mobilità limitata”.

Come in tutti i settori della vita, infatti, lo strumento informatico ha influenzato anche la stipula degli atti notarili e, probabilmente, questo processo subirà un’accelerata negli anni a venire magari proprio a causa di eventi quali l’emergenza “COVID – 19”.

Tuttavia, l’informatica – che rimane, appunto, un mezzo- ed il diritto – che è il vero fine - devono necessariamente progredire insieme e di pari passo poiché è di fondamentale importanza per la collettività evitare che l’eccessivo utilizzo dello strumento informatico possa facilitare, ad esempio, furti di identità, riciclaggio di denaro proveniente da reato, situazioni di circonvenzione, violenze ed alterazione dell’integrità della volontà in genere.

Ed è proprio in quest’ottica, ora più che mai, che il notaio mostrerà la sua utilitas e la sua imprescindibile funzione portatrice di pubblici interessi.

PAROLE CHIAVE: notaio - assemblee virtuali - assemblee societarie - prassi notarile

Sommario:

1. Premessa. - 2. Gli strumenti attualmente a disposizione del notaio: i cc. dd. "atti a mobilità limitata"[2] - 3. Le assemblee societarie diventano smart [6]. - 4. Il cd. “decreto liquidità”: alcuni aspetti rilevanti per gli atti notarili. - 5. Conclusioni: il notaio ed il confronto con le innovazioni tecnologiche. - NOTE


1. Premessa.

Il notariato si è trovato ad affrontare, come tutte le altre professioni, l’emergenza derivante dal virus Covid-19 che, com’è noto, ha creato una situazione alquanto caotica e disordinata nella vita di tutti. Nel caso del notaio, in particolare, tale sconvolgimento ha avuto un notevole impatto sull’economia atteso che l’attività notarile, portatrice di pubblici interessi, ha ad oggetto transazioni, come quelle immobiliari e societarie, di
[continua ..]


  • Giappichelli Social